Il trenino del Pelion: alla scoperta della terra dei Centauri

Il trenino del Pelion, conosciuto anche come “Moutzouris”, così chiamato per via della sua locomotiva a vapore e del fumo che lasciava al suo passaggio, è una delle esperienze più belle e memorabili da fare almeno una volta nella vita; che tu sia un amante della Grecia come me (o meno) ti consiglio comunque di prendere in considerazione questo mio consiglio, soprattutto se hai dei bambini.

Trenino del Pelion: lo sapevi che?

Trenino del Pelion: larghezza rotaie 60 cm!

Lo sapevi che la ferrovia del Pelion è una linea a scartamento ridotto di soli 60 cm (infatti è una delle linee ferroviarie più strette al mondo)? Un tempo collegava la città di Volos a Milies in modo da promuovere, in questo modo, la produzione agricola del territorio grazie al trasporto.

Oggigiorno il trenino del Pelion è invece utilizzato solo a scopi turistici.

Consiglio Utile:

Per godere di una panoramica perfetta ti consiglio di prenotare gli ultimi posti dell’ultimo vagone da Ano Lechonia e Milies mentre ultimi posti primo vagone da Milies ad Ano Lechonia

Il trenino è composto da 3 vagoni, ciascuno con 32 posti, ed è per questo motivo che vi consiglio di prenotare quanto prima i posti, perché, essendo molto rinomato, ma allo stesso tempo così piccolo, i posti vanno subito a ruba!

Trenino del Pelion: Ano Lechonia-Milies

Trenino Pelion: Stazione di Ano Lechonia
Stazione di Ano Lechonia

Quest’anno come meta del nostro viaggio in Grecia abbiamo scelto le Sporadi e parte del Pelion: potevamo mai perdere questa occasione unica? Assolutamente no! Infatti dovete sapere che inizialmente la durata del viaggio era prefissata fino a giovedì 19, ma quando ho scoperto che il mitico trenino del Pelion opera solo il weekend, allora abbiamo allungato il viaggio di ben 6 giorni, mica male!

Trenino Pelion: Fermata intermedia, stazione di Ano Gatzea
Fermata intermedia: Stazione di Ano Gatzea

Il trenino a vapore inzia la sua corsa ad Ano Lechonia percorrendo ben 15km, a circa 20 km/h, “arrampicandosi” tra ponti in pietra e fitta vegetazione del monte Pelion fino a raggiungere Milies (con fermata intermedia ad Ano Gatzea).

Ammetto che inizialmente ho avuto il timore che il trenino potesse ribaltarsi perché fa delle curve micidiali su rotaie così strette ad un palmo dal vuoto… Per fortuna son qui a raccontarlo, perciò: Tuuuutto bene!

Trenino Pelion: Capolinea, stazione di Milies
Capolinea: Stazione di Milies

Il percorso dura un’ora e mezza.

Percorso memorabile del trenino del Pelion

Trenino Pelion: a spasso tra i monti del Pelion
A spasso tra i monti del Pelion

Come accennato poc’anzi, il trenino percorre il suo viaggio fino a Milies, attraversando campagne piene di ulivi, ponti altissimi fatti in pietra, panorami mozzafiato, contadini che ti salutano e la mitologia che nel frattempo ti sussurra all’orecchio, dal momento che si viaggia lungo i percorsi dei Centauri e dei Dodici Dei.

È anche questa la Grecia che amo, la Grecia vera ed autentica, la Grecia insolita!

Il trenino del Pelion che parla italiano

Devi sapere che questo bellissimo e vintage trenino a vapore è stato progettato dall’ingegnere italiano Evaristo De Chirico, padre del celebre pittore Giorgio De Chirico, in seguito nominato anche Direttore delle Ferrovie della Tessaglia, in Grecia.

Trenino Pelion: progettato dall’italiano Evaristo De Chirico
Trenino progettato dall’italiano Evaristo De Chirico

Chi era Evaristo De Chirico?

Di nobile origine, era figlio del barone Giorgio Filigone de Chirico e della contessa Adelaide Mabili y Bouligny; si laureò in ingegneria orientandosi poi verso il settore dei trasporti, soprattutto ferroviari.

All’inizio degli anni ottanta del 1800 fu incaricato da Charilaos Trikoupis, Primo Ministro greco, di progettare la rete ferroviaria della Tessaglia, che era stata annessa da poco, ed era priva di linee ferrate e mezzi di comunicazione efficienti.

L’ingegnere era già noto perché con l’impresa Evaristo de Chirico & Co. aveva costruito linee ferroviarie in Bulgaria; trasferitosi a Volos per motivi logistici ne fece la base delle operazioni e successivamente anche la direzione delle ferrovie tessalliche; la stazione della città venne da lui progettata e costruita e così molte altre di minore importanza. Le costruzioni, iniziate nel 1882 con maestranze italiane e manodopera locale, portarono all’attivazione della linea Volos-Larissa, di 61 km, inaugurata il 22 aprile 1884 dal Re Giorgio I di Grecia, e successivamente, della diramazione, a Velestinon, della linea di 142 km per Kalambaka che fu completata il 16 giugno 1886.

Ecco tutto il tragitto del mitico Trenaki Tou Piliou

Prezzi ed orari

Le corse del Trenino del Pelion si svolgono ogni weekend durante la stagione estiva.

Il treno parte dalla stazione di Ano Lechonia alle 10:00, arriva a Milies alle ore 11:30, ripartendo per Ano Lechonia alle ore 15:00.

Il biglietto di sola andata standard è pari a 10€, andata e ritorno, invece, costa 18€.

Per i bambini, la corsa singola costa 6€, mentre andata e ritorno ha il costo di 10€ (dai 4 ai 12 anni).

You may also like

15 commenti

  1. Non sapevo dell’esistenza di questo trenino, ma davvero mi piacerebbe farci un giro; mio marito poi, che è appassionato di treni, diventerebbe matto!

    1. Ma daiiii io adoro i treni a scartamento ridotto!!! Il tuo racconto mi ha ricordato molto il Trenino Verde in Sardegna, ci sono diverse linee sull’isola una più bella dell’altra e con panorami spettacolari. Non conoscevo il trenino del Pelion e la vicenda di De Chirico, ne prendo nota 🙂

  2. Che bello questo trenino! E’ una zona della Grecia che proprio non conosco, mi piacerebbe approfondire. E appena lo sa il mio compagno, super appassionato di treni, ci vorrà subito andare! 😀

  3. Non avevo idea che esistesse un treno a vapore in Grecia! In effetti, però, non sono molto ferrata sul sistema ferroviario greco: di sicuro deve essere un’esperienza particolare e diversa per visitare questa zona!

  4. Che bello questo trenino! Della Grecia conosco davvero poco, ma fare un’esperienza di questo tipo mi incuriosisce moltissimo. Di solito si visitano le solite mete, invece questa è davvero particolare e sicuramente è un viaggio diverso ed unico. Addirittura una delle linee ferroviarie più strette del mondo, è da fare assolutamente! 😀

  5. Il legame che unisce Grecia e Italia è sempre più saldo, anche grazie a questo trenino. Che esperienza piacevole e sorprendente che avete vissuto!

  6. Secondo me i viaggi sui treni storici hanno un fascino unico. Dev’essere bellissimo percorrere questa tratta! È anche un buon modo per valorizzare le aree più interne di un Paese.

  7. Certo che su questo blog ogni volta scopro luoghi e cose dell’ Grecia davvero ignote ai più come questo trenino. Articolo davvero interessante! Per deformazione professionale penso sempre alla Grecia solo per l’antichità classica, ma è evidente che vi è ben altro oltre le solite mete!

Rispondi